martedì 20 novembre 2018


E' tanto che voglio scrivere, ma è davvero davvero difficile trovare del tempo di qualità per farlo e passano così i mesi. Ma eccomi qua anche solo per qualche righa, qualche parola..giusto per salutarci un pochino.


Nella foto ci sono i miei cuccioli. Tanto sognati, pensati, desiderati, voluti e amati ancora prima di esserci davvero. E ora sono qui.

Ormai mi sento come le altre mamme, soprattutto dopo essere diventata mamma bis.
In che senso vi chiederete? Per tutta la gravidanza di "Puntino" e per gran parte del praticantato di mamma, mi sono sentita diversa da chi non ha fatto il nostro percorso, da chi non ha avuto una montagna come la nostra da scalare.

Ormai mi sento come una mamma qualunque.
Tanto che a volte mi dimentico della fatica fatta, delle lacrime versate, dei momenti bui passati.
E cosa faccio? MI LAMENTO! tadadadaaaaan
Perchè? perchè non dormo, non riesco a mangiare in modo neanche lontantamente decente, non ho una vita sociale decente, perchè perchè perchè, è dura..
Non avrei il diritto di lamentarmi no? dovrei essere super contenta ogni istante della mia vita di mamma. Eppure anche se ricaccio le lamentele, semplicemente fare la mamma mica è una cosa semplice.
Ma poi ci sono quei momenti lì, che stai abbracciato guancia contro guancia al loro visino, che ti vengono incontro sorridenti e ti dicono o fanno quella cosa semplice ma che vuol dire tutto.
E ti ricordi che sei la persona più felice del mondo.

Oggi mi sono confidata con una persona che conosco pochissimo. Le ho detto così con nonchalance che i miei bimbi li ho avuti con pma. Io che durante la pma e fino a poco tempo fa, non l'ho detto a persone vicinissime a me e mio marito. Ora sento di volerlo dire. Allora mi sono chiesta il perchè di questa cosa.
Forse prima era un'esigenza, una protezione. Mi serviva custodire questa mia realtà perchè non volevo domande, non volevo che la gente mi commiserasse, non lo so.
So che ora vorrei dirlo.
La ragazza a cui l'ho confidato mi ha detto che "stanno cercando anche loro e non riescono". Ha appena compiuto i 40. Le mie parole e la mia esperienza l'hanno rincuorata. Che bello averla fatta sollevare un pochino. Come mi sono rivista in quegli occhi, in quelle parole...
Che ne dite voi? avete o state tenendo il segreto?

Un abbraccio grande Bia*












lunedì 27 novembre 2017

Noi 3


Mi sembra doveroso dopo mesi di inattività, iniziare con le ri-presentazioni.
Chi è ora Bianca?
Come un serpente che cambia la pelle ma resta sempre lo stesso... questa Bianca sono sempre io, ma completamente diversa....strana cosa questa.

Dunque, la vignetta oggi è solo di presentazione.

Quello dai capelli un po' ramati a sinistra è il mio cucciolo, il mio Puntino; quella a destra con l'espressione persa e un po' rimbambita sono io, ed infine quella a testa in giù, piccola ma moooolto ingombrante, è Lineetta.
Tutti e tre stretti in un abbraccio stritolante.

Questo è il mio bottino. Per questo ho lottato con tutte le mie forze, scavando il barile delle energie e delle speranze anche quando pareva non esserci più nulla.



Ora breve aggiornamento semiserio.
Siamo a 36 settimane. Qua la data del debutto in società della pupetta si avvicina.
Tutto procede bene e io sono sempre più grossa e ciondolante.

Seeee seeee..lo ammetto, mi sono disegnata più magra! :D eh eh
Eh vabbè dai ho la licenza poetica..illustrata ;)

Ho quasi tutto pronto, valigia per l'ospedale, tutine, culla.... l'unico aspetto che non ho e non so programmare, è come sarà la gestione di due bimbi cosi piccoli, dopo!
Ho letto molto, ho ascoltato pareri (e critiche) delle amiche...ma al momento non ho buttato giù una strategia.
Puntino è ancora molto attaccato a me, come è giusto che sia vista la sua età, spesso la notte chiama me e vuole solo me (il papà viaaaa!) ottimo eh???
Dorme con noi, ha il suo lettino ma ehm..spesso viene nel lettone.
Non ci penso nemmeno a spostarlo nella sua camera, non me la sono sentita finora e sicuro non lo farò adesso (ora capite le critiche delle amiche). Lo so, lo so sarebbe giusto che lui si abituasse già alla sua cameretta, ma l'ho abituato cosi.
Avendolo allattato fino a poco prima di rimanene incinta, ha sempre dormito nel lettone (altrimenti non dormivo io) e ora in questo momento così delicato, proprio non me la sento di spostarlo.
Sarà uno sfacelo?? Mi dovrò dividere in due, moltiplicarmi come la pecora Dolly? mah lo saprete nelle prossime puntate.
Un abbraccio a tutte e buon lunedì sera!
Baci Bia*

mercoledì 8 novembre 2017

33 settimane ... di nuovo!

Entro piano piano in punta dei piedi... c'è qualcuno?
Sono passati talmente tanti giorni dall'ultimo post, che non sono più sicura se ci sono io e se so ancora definire vagamente chi sono, dopo tutto...quello che mi separa dall'ultimo post.

Ma eccomi :)
Dunque, come va? in questo lungo silenzio, sporadicamente e silenziosamente ho continuato ad informarmi su alcune compagne di viaggio stimolante. Spero che stiate tutte bene :*

Da dove inizio? aaaahh iniziamo sempre dalla fine che ormai è il mio stile vi va? eh eh

Allora in questo momento la sottoscritta Bianca ha un bimbo di due anni e due mesi, Puntino che dorme sul divano al mio fianco mentre vi scrivo. Studia per diventare una peste ma ovviamente è il mio grande amore. Sulla sua ricerca tanto ho scritto e scassato le.. ehm.. scatole. Chi mi ha seguita lo sa bene! :D

Ma non finisce qua.

Nella panza, che è tornata grande grande, c'è un'altro inquilino, anzi stavolta è inquilina, chiamata da subito Lineetta, che è con noi da ben 33 settimane. Eh si ci ho messo un po' ad aggiornarvi.
Ma le scuse e le giustificazioni ve le faccio firmare più avanti ;)

Dopo tanta fortuna con Puntino, ci abbiamo pensato, non poco, se andare a prenderci il nostro embrioncino congelato in Austria: ci sembrava uno spreco lasciare la un pezzetto di noi... ma anche forse, chiedere troppo, cercando di avere (addirittura) un altro bimbo.
Noi che eravamo molto vicini dal restare per sempre in due, ora siamo in quasi 4.

Fatico ancora a scriverlo.

Abbiamo soppesato razionalmente i pro e i contro, attentamente, per settimane.
Poi in un baleno abbiamo mandato all'aria tutti i soppesamenti razionali e abbiamo chiamato il centro.
E come una coppia "normale" (passatemi il termine) che presa dall'impeto di passione si spoglia e...insomma fa quello che deve fare e non ci sta tanto a pensare ;) .... noi abbiamo indossato i nostri costumi da coppia pma (costumi sempre presenti sottopelle) e ci siamo recati nel nostro luogo di venerazione, il centro che ci ha dato il più grande regalo, nostro figlio.

Che problemi abbiamo soppesato?
...avere due figli cosi vicini, al non essere piu cosi giovani giovani dicamo, al conto in banca che nel tempo si è prosciugato, al lavoro che ne ha risentito....ma checcavolo, volevamo o no un'altro bimbo? SI. Basta.



Ci siamo stati non da soli, come preventivamente e coscienziosamente programmato (nooo ma non ci portiamo lui fino a la, ma nooooo lo lasciamo dai nonni che cosi ci godiamo il momento uguale uguale a quando l'abbiamo fatto per lui), ma con Puntino al seguito.

Diciamo che non è stato molto austriaco in tema di silenzio e compostezza. Ma volevamo averlo al nostro fianco (ormai è chiaro che sia io che marito, organizziamo e programmiamo e poi facciamo tutto il contrario :D eh eh).

Ecco su quel magnifico weekend d'oltralpe avrei giusto una vignetta, ma al momento è solo nella mia mente.


E' stato tutto diverso dalla volta precedente. Il transfer l'ho fatto sola, marito era fuori con lui a giocare. Quando hanno trasferito l'embrione, anzichè il puntino luminoso, ho visto chiaramente una specie di un guizzo, una... lineetta. Da qui il nome ;)

In generale ero più serena. Niente stimolazione, niente pick up e poi ... infondo avevamo già il nostro miracolo. Ho fatto la solita agopuntura prima e dopo.
Assolutamente niente riposo dopo.

Il test di gravidanza l'ho fatto (ovviamente) il giorno prima, anzi la sera prima.
Ero talmente stanca di prendere il progesterone e sicura di non essere incinta che l'ho fatto.
I sintomi della precedente gravidanza erano assolutamente diversi. Niente tette esplosive per esempio, che per me erano stati la rivelazione.

Felicità e stupore. Ma tutta una cosa diversa dalla prima volta.

Anche questa gravidanza è stata tutta diversa e non è ancora finita!
Voglio raccontarvi tutto ma con calma e con le apposite vignette documentative.

Per ora basta cosi.

No aspetta, no no.
Ci vuole una foto.
Profilo di Lineetta. Ciaoooooo


Vi ricorda qualcuno?
(Profilo di Puntino: https://vitastimolante.blogspot.it/2015/04/morfologica-e-sorrisi.html)
 
Spero che tutto continui bene e che il miracolo si ripeta.
Nel frattempo l'intenzione è quella di recuperare un po' e riprendere a scrivere e disegnare qui.

Un buon mercoledì a tutte.
Baci Bia*

















venerdì 11 marzo 2016

Felicità


Come si inizia un post, dopo mesi e mesi di inattività?
mah proprio non saprei ;)
Lo so che sono fuori tempo... ma meglio tardi che mai no?

La vita è cambiata e il tempo è tutto un concetto diverso ora.


Cosa è cambiato e cosa no?

Si dorme poco, ma va bene cosi.
Bianca è sempre la stessa ma con due grandi differenze, un cuore colmo di felicità e due profonde occhiaie :D eh eh 
Puntino è un bambino dolcissimo che non smetto mai di guardare con gli occhi sognanti.

Ora conosco tante mamme. Parlo spesso di cacca.
Usciamo con gli amici con i bimbi piccoli.
Non guardo più la tv.
Spendo un sacco per il SUO guardaroba.
Guardo le donne con il pancione con il sorriso, ripensando alla mia gravidanza.

Mi sento però una mamma speciale, ancora adesso mi sento diversa dalle altre.
E in quanto diversa apprezzo tantissimo certi momenti.
Quei certi momenti magici solo miei e suoi, intimi, pieni di pace e felicità.. in cui ripenso alle sofferenze passate, ai momenti di sconforto (tanti)  in cui credevo che ormai non mi sarebbe successo più di diventare mamma.
Quanti pianti, quante lacrime ricacciate indietro sfoggiando sorrisi tristi.
E incredula torno al presente, stringendo le manine del mio piccolo puntino tra le mie, e lo apprezzo come solo chi credeva di non potercela fare può apprezzarlo.
Questo pensiero ingarbugliato (scusate non dormo da un po' ;)) spero tanto che lo legga chi ancora non ce l'ha fatta, ma che presto ce la farà.
Anch'io ero come te, e ora le mie braccia sono ricolme d'amore.
Sono stata fortunata, questo si, ma anche tenace. Un bel mix.


Certo non mento, ci sono delle cose che mi mancano..
il mio corpo di prima ;) ma spero che piano piano tornerà
i momenti di intimità con il mio maritino scarseggiano
le uscite dell'utlimo minuto, tirare tardi, il cinema, le cenette in locali sfiziosi.
Queste cose non riesco più a farle ora...
Ma non farei più a cambio.


Ma ora parliamo di cose serie serie.
Mi sono chiesta cosa farò di questo blog.
L'ho iniziato per avere uno sfogo, e ho trovato conforto e un confronto molto importante per me.
Ma ora le cose sono diverse, quindi non so se cambierò la sua forma lasciando che naturalmente muti con me.. o se deciderò di interromperlo.
Vedremo.

Un abbraccio a tutte.
Buon venerdi!
Bia *





giovedì 1 ottobre 2015

Ora che ci sei

Il mio Puntino è nato. 
Abbiamo da poco festeggiato il mese di vita. 
Una vita completamente nuova e travolgente...

Non ho parole per descrivere questi momenti che sto vivendo.
La realtá è talmente forte che a volte mi sento stordita...quando lo guardo e penso che è il mio bambino...che è vero..che ce l'abbiamo fatta! A volte la sera tutti e tre nel lettone, io e mio marito ci guardiamo e ce lo diciamo, come per assicurarci a vicenda che non stiamo sognando..è tutto vero. Abbiamo un bambino meraviglioso.

La strada è stata dura ma alla fine il premio è stato grande.

Ora che ci sei la mia vita inizia di nuovo.

Un abbraccio e buon giovedi a tutte
Bia*


martedì 30 giugno 2015

33 settimane insieme


Toc toc...
c'è ancora qualcuno?

Lo so è tanto tempo.Tante volte ho pensato di scrivere, ma ho deciso di no.
Non per scaramanzia, nè per pigrizia.
La verità è che non trovavo le parole.

Non volevo fare quella che adesso che è appanzata non fa altro che parlare della sua panza (con rispetto per chi lo fa)
E allora che dire?
Ecco appunto...

Mi sono ricordata di quando ero io che leggevo storie come la mia, e mi faceva piacere arrivare alla fotina dell'ecografia. Ma poi l'empatia svanisce inevitabilmente.
TU che scrivi, non sei più ME che leggo.

Forse mi sono fatta troppe pippe... perchè voi siete splendide e so che gioite per me, che ho passato le fatiche che magari state passando voi in questo momento... e leggere la mia storia non può che darvi speranza... però però...
Non so sarà che questo blog è nato come uno sfogo e ora le emozioni sono cambiate.


Ma ora basta con le giustificazioni!
Sicuramente è cambiato molto nel mio mondo e cambierà anche questo blog, non c'è niente di male.

Prendiamola come viene... questo è il nuovo motto.


Gli aggiornamenti per chi vuole:


Ecco la mia panzotta, fotografata durante la nostra vacanzina al mare!
Puntino sta bene, la sua mamma sta bene.
Tutto procede nella normalità e fino a qualche settimana fa, sentivo anche poco la fatica. Ora mi sento decisamente più fiacca. Forse il caldo o forse le settimane che ormai sono 33.


Ora voglio parlarvi di come mi sento.
Forse a qualcuna di voi sarà utile, giusto per non sentirsi le sole ;) o forse no.

Le emozioni che sto provando in questo periodo, sono tante ma riassumendo:

FELICITA'
Senz'altro felicità. Momenti puri e semplici, che mi arrivano così nel mezzo di un pomeriggio, mentre sto accarezzando il mio cane. Mi vedo da fuori e mi rendo conto improvvisamente, che quella li con la panza e con il sorriso, sono io.

INCREDULITA'
Si ma poi passa.... mi sono detta durante i primi mesi.
Ehm.... non proprio.
Mi capita ancora di svegliarmi al mattino e pensare "ah.. già! ho la panza :)"


Mi capita anche un'altra cosa, anche adesso che sono entrata nell'8^ mese, che la mia pancia ha dimensioni inequivocabili... mi capita di sentire l'impeto d'invidia quando vedo una donna incinta.
Non succede con tutte, non succede sempre... ma succede.

Questo significa che certe cicatrici che ci scaviamo nell'anima, durante il faticoso percorso della pma, sono dure a rimarginarsi. Quelle lacrime sono tutte ancora in memoria.

La sensazione di essere diversa, di dover sempre stare allerta... beh quella mi è rimasta.

Ma poi, passati i primi 4 mesi, arriva un momento che ti rilassi e ti godi un po' di più la gravidanza.

Ho cercato di farlo e di non lamentarmi mai per niente.
A tal proposito vorrei condividere anche un altro aspetto, che io ho provato e ho accettato.
La sensazione che la gravidanza non sia tutta sta meraviglia. Ecco l'ho detto.
Provo a spiegarvi cosa intendo.

All'inzio è felicità, punto.
Poi è paura, paura che finisca tutto.
Poi sono progetti.

I progetti sono stati per me, il voltar pagina.
Non cercare sul web i sintomi, o le dosi o i protocolli... ma il trio migliore, la cameretta, le tutine.
All'inzio sono stati progetti timidi e limitati.
Mi ricordo ancora la prima volta che siamo entrati in un negozio di articoli per l'infanzia, io e mio marito, che sembravamo due ladri. Con quelle facce da "posso davvero entrare?".

Poi sono diventati sempre più necessari e concreti.
Ora è quasi tutto pronto.

Ma in mezzo a tutto questo, ho vissuto dei momenti in cui mi sono sentita strana.
Cioè non cosi felice, quindi sono scattati i sensi di colpa.

Dopo tutto questo... sentivo che minimo avrei dovuto camminare sulle nuvole e sentirmi talmente felice da non essere mai mai triste.
E invece non è stato cosi. Per me almeno.

Ci ho messo un pochino a mollare la presa sulle paure, poi a sentirmi davvero in diritto di essere felice, poi ad accettare che la gravidanza non è per forza un momento semplice... ma ha le sue difficoltà, le sue rinuncie e non c'è niente di male se danno fastidio anche a me.

Perchè vi racconto questo?
Perchè penso che sia una sensazione che può accompagnare la gravidanza di chi come noi la desidera tanto e passa molti momenti difficili per arrivarci.
Perchè a me ha sempre fatto sentire meglio, rileggermi nelle storie simili alle mie... chissà magari c'è qualche pazza come me, che si ritrova nella mia ;)


Detto questo, ora mi trovo in un momento in cui il conto alla rovescia è iniziato.
Manca un mese e mezzo circa... e non vedo davvero l'ora di iniziare questa nuova vita.
Rimangono le paure del parto e che lui sia sano, quelle fino alla fine...
Ma sto entrando nella fase in cui piegare i suoi vestitini mi pare normale, in cui gli parlo e gli chiedo di darmi un calcettino (piaaanoooo) dove ho la mano.
Forse sono un po' più serena...
Insomma lui c'è già, fa già parte della mia vita.

Un abbraccio
Bia*

mercoledì 1 aprile 2015

Morfologica e sorrisi

Ciao amiche!
intanto una notizia bellissima che non può non occupare le prime righe di questo post così importante per me: la mia conchiglia è arrivata sulla spiaggia di Nina.
La sua spiaggia è un posto meraviglioso e sono sicura che averle scritto mi abbia portato fortuna.
Grazie Nina sei unica.


Puntino di profilo. Ciao Zieeeeee


ehhh ormai mi conoscete no? qua si sta in silenzio con il respiro trattenuto step by step.... e infatti scrivo perchè ho appena passato lo step della morfologica e finalmente riprendo a respirare.

Già, io ero quella che avrebbe vissuto tutto tranquillamente. Certo. Certo che no! :D

Insomma mi sono riscoperta scaramantica e ho seguito le mie sensazioni senza forzarmi.
Spero che mi capirete.


Ieri 20^ settimana, ore 15.45 io e il maritino eravamo nello studio del ginecologo della mia città.
Eh pensare che questo ginecologo qua non mi ha ancora visto ehm.. a gambe aperte... mi fa ridere!
Proprio lui che mi fa vedere ogni volta il mio puntino, che ha un ruolo cosi importante e cosi sognato da me tante volte.... beh con lui, niente smutandata. Da lui sono arrivata già in fase eco sulla panza.

Non che mi dispiaccia eh... ma sai com'è, le abitudini sono dure a morire, e ogni volta mi viene da mettere i piedi sopra le due staffe. Poi mi ricordo che ho i pantaloni addosso :D

Dicevamo. Puntino alla 20^.
Agitazione non cosi tanta. Ma quando ha cominciato ad ingrandire il cuore, e poi ancora e ancora.
C'è stato un lungo momento di silenzio.
"Tutto bene?" ho detto con un filo di voce... per fortuna il responso è stato positivo.
Poi il nostro amorino ci regala pure un sorriso. Ci portiamo a casa una sua foto 3d del suo musetto felice.
Il gine dalle poche parole e farfugliate tra se e se (certo io un gine normale mai ;)) ha detto che va tutto bene.
Felici usciamo dallo studio.
E adesso?

Decidiamo che ora possiamo lasciare un po' il freno a mano delle emozioni.
Cioè iniziare a sognarci per davvero.
Cioè cominciare a pensare agli acquisti. Alle cose da fare.  Al nido da preparare.
Ma davvero? chiedo a lui e soprattutto a me.

Be forse un pochino si.
Che dite?
E' ora?
Mi sento sempre un po' in colpa quando mi "rilasso" e non metto un forse davanti.
Ma ci sto provando ed è una bellissima sensazione.
La mia pancia ormai si vede bene e la gente mi chiede se è maschio o femmina.
Ci manca che gli rispondo: ehhhhh???? chi ioooo???


Sono alla 20^ settimana, ho una pancia da bevitrice di birra e sono incinta.
Io sono incinta. per davvero.

Ho inizato a sentire i calcetti ed è una sensazione dolcissima.
Credevo che mi avrebbe fatto impressione. E invece no anzi.
Sono una banale quasi mamma che si emoziona ad ogni calcetto... eh si.

Ma una gestante post pma è diversa da una che non ha fatto pma? o che per lo meno non ha passato il momento disperato di ricerca?
Ditemi cosa ne pensate.


Sto lavorando molto in questo periodo ma cerco comunque di ritagliarmi del tempo per me e puntino.
Quindi stamattina Yoga.
Sono un po' migliorata... 'nsomma sembro sempre una ippopotama in confronto all'insegnante, ma la cosa bella è che tutte hanno gli occhi chiusi ;) tiè.

Oggi anzichè la solita vignetta, lascio lo spazio all'ecografia.
Eh beh.. impossibile resistere.


Una meravigliosa Pasqua a tutte!
Bia*